15.12.09

Fammi giocare ...

Fammi giocare, mammina mammina,
a sentire i rumori che fai in cucina.


Fammi giocare, quanti colori:

che forme hanno questi odori?


Fammi giocare, voglio scoprire,

un raggio di sole: dove va a finire?

Non darmi la chicco, non darmi cubotti:
fammi giocare con i tuoi occhi!


Dammi un minuto, un minuto soltanto
per farmi giocare con il tuo canto,
poi lasciami tentare a dirti parole
e lanciami in cambio sillabe nuove.


Fammi giocare, mammina mammina,

tirami al volo due parole in rima.


Dammi per gioco, lo faccio rotolare,
quel vasetto di yoghurt, non lo buttare!

Dammi per un istante e durerà una mattina,
quel sacchetto usato che fruscia in cucina.


Dammi per giocare quel grosso arancio,
più che cento palline lo lancio e rilancio.

Fammi giocare con il cesto delle meraviglie
sei tu che ci vedi solo stoviglie!


Fammi infilare le mie manozze
nel mazzo di chiavi che tu vedi sozze:
non senti, non senti proprio,
più di un carillon è magico il loro tocco!


Lo chiami gioco ma per me è scoperta:

non voglio un oggetto, ma la tua mente aperta!
tua, Pulce


Questo post partecipa al
blogstorming



Grazie all'amica L. per la definizione del cesto delle meraviglie!

23 commenti:

  1. Non è bella è bellissima,grande Silvietta.

    RispondiElimina
  2. eeeehhhhh sì! è stata proprio una buona scelta... lo vedrete!!!
    :)

    RispondiElimina
  3. BELLISSIMA! davvero, grazie grazie grazie, mi sono persino commossa.
    Un bacio alla Pulce!

    RispondiElimina
  4. l'ho detto io che la Pulce è una bambina particolare... da non dare per scontata. E che fosse equa e solidale, niente soldi alle multinazionali, solo giocattoli fai da te, scoperta del mondo oltre gli schemi consueti e
    iniziativa da vendere... deve averlo succhiato col latte.
    Comunque, come già scritto sotto il post di qualcun altro, le mollette da stendere sono state uno dei giochi più belli della mia infanzia, sia usate in verticale (omini) sia in orizzontale (coccodrilli).
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. stupenda stupenda stupenda!!!!!!!
    Uli

    RispondiElimina
  6. Bella questa filastrocca,
    mentre la leggevo mi sono venuti in mente delle illustrazioni che si muovevano al suono della musica delle rime...

    RispondiElimina
  7. bravissima, davvero...

    RispondiElimina
  8. @Marlene: grazie, sono contenta tu sia tornata!!

    RispondiElimina
  9. @Silvia GC: dimmi che lo fai solo per spronarmi a lavorare ... hmhm?? ...arrossisco :-)

    RispondiElimina
  10. @Mammali turchi: grazie, davvero troppo buona ora .. tocca a te!!

    RispondiElimina
  11. @Castagna: cielo, non l'avevo mai vista sotto questo punto di vista ... ohohohoho sto creando un mostro??

    le mollette da bucato in effetti sono un grande bagaglio anche dei miei ricordi!!! :)

    RispondiElimina
  12. @ Uli: arrossisco! grazie :) immagino faccia ancora più strano pensare che a scriverla è una che si adatta più facilmente ad excel che a Rodari, vero?

    RispondiElimina
  13. @Chiara: è una proposta? mi/ci facciamo questo regalo di Natale?

    RispondiElimina
  14. Brava, proprio bella e divertente :-))

    RispondiElimina
  15. Ciao bella.
    Ti lascio un abbraccio e i miei auguri di buone feste.

    RispondiElimina
  16. ciao SIlvia, grazie a te, tantissimi auguri e un abbraccio, silvietta

    RispondiElimina
  17. è bellissima, complimenti!
    mi sono venuti i brividi... xchè mi sembravano le parole della mia bambina!...
    posso rubartela x il mio blog??...

    RispondiElimina
  18. @Onda: sono sicura che ne scriverai di bellissime anche tu, lascia passare ancora qualche mese!

    RispondiElimina
  19. @Kikka, certo, l'importante è citare la fonte! grazie!

    RispondiElimina
  20. rubata!!!... grazie ancora è davvero bellissima!!

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono molto importanti per me, grazie per quello che scriverai!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails