16.1.11

MrWolf scrive per me: "“P.I.S.C.I.ON.E.” – Non è Tracy Hogg, ma quasi…"

Giuro che non è uno scherzo ... MrWolf - che legge il blog, e già è una bella cosa - pochi giorni fa mi ha proposto questo articolo. Che dire? Lascio a voi i commenti ...

Da quando la moglie mi ha proposto la teoria di Tracy Hogg e il suo metodo “E.A.S.Y.”, dall’autrice stessa ritenuto infallibile (evviva l’autostima!) e soprattutto, come l’acronimo lascia intendere, di semplice applicazione, ho pensato che forse potesse rappresentare una buona base di partenza, ma che senz’altro andasse rivisto…

Il metodo che vado a presentare ben si adatta, secondo me, al nostro ultimo assunto, e si riferisce comunque ad un neonato maschio, ma con alcune piccole modifiche può essere adattato anche alle femmine. Anche in questo caso c’è un acronimo che può aiutare a comprendere meglio il modello, e che rappresenta una delle possibili definizioni del neonato: P.I.S.C.I.ON.E.

Partiamo dall’inizio: P di Pannolino. Per un padre rappresenta l’attività a cui è principalmente chiamato, almeno dalle pressioni sociali (“almeno fai cambiare a lui il pannolino…”), e che comporta, oltre l’attività specifica in sé, una non secondaria delicata fase: il “confronto tra piselli”, vissuto nell’ambivalenza per il contrasto tra il desiderio che quello dell’erede non superi il proprio e la speranza di averlo sufficientemente dotato per affrontare il mondo senza imbarazzi…

Si passa poi alla I di Istante, che è quello che può intercorrere al massimo tra il cambio di pannolino e il momento successivo, pena sordità di chi lo cambia.

La S sta per Sbranare, perché più che Eat sembra che voglia proprio sbranare la tetta per colmare una fame atavica… Di nuovo provate a pensare come vive questo momento il padre, ancora una volta nell’ambivalenza tra vedere il proprio figlio affamato e vedere ciò che un tempo era un suo oggetto di desiderio diventare ora oggetto di famelico assalto da parte di un altro.

Subito dopo, a volte quasi in contemporanea a questa fase, viene la fase C di Cacca. Già, perché sembra che le anse dell’intestino siano davvero poche o che si possano comunque percorrere a gran velocità…

Non voglio dilungarmi troppo, passo rapidamente alle fasi successive: dopo aver mangiato, la signora Hogg parla di Activity: io preferisco usare la I di Indagare… Se un padre si avvicina al pupo che è in estasi al termine del pasto, viene osservato con sguardo indagatore, appunto, come a voler dire: “Chi sei? Cosa vuoi? Lasciami godere…”.

Segue la fase Onirica, ON., appunto, in cui sembra sognare un Paradiso fatto di tette anziché di nuvolette.

E, infine, e qui torniamo al modello originale, il tempo per voi… (You)… qui l’iniziale è la E… di Exausted


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails