perché scrivo

Questo è il mio blog.


Mi chiamo Silvia - (Francesca Silvia, da cui il twitter cescasilvia e il nick Silvietta) - e ho 36 37anni.

Per anni ho cercato di trovare la stabilità, di essere una persona coerente e di identificare bene chi ero.


Oggi so (giusto un poco meglio) chi sono: una persona a cui, nonostante la fatica, il cambiamento, l'evoluzione continua, la trasformazione piace. Piace fare ma anche disfare. Piace trasferirsi, costruire, piantare radici e poi ripartire. Piace godere di quel che si può godere nella vita, nella sua brevità.


Tutto questo l'ho scoperto, a spese della mia fatica e del mio orgoglio, in particolare da quando ho ceduto alla stabilità estrema di un rapporto stabile e ricco - e ho scoperto che a essere in due, c'è sempre motivo per muoversi e cambiare. E soprattutto, ovviamente, da quando all'improvviso mi sono trovata responsabile prima di uno, ora di due, bimbi.

Sono diventata mamma a 33, quasi 34 anni. Sembra assurdo dirlo, ma nonostante l'età ero totalmente impreparata: non credevo che sarebbe arrivata la gravidanza e poi, per una serie di motivi, che sarebbe arrivata a termine.
Quando laPulce è nata, non avevo quasi idea di quanta energia, tempo, dedizione richiede un bambino. Nè di quanta pressione c'è sulle mamme. Di quanta ipocrisia. Di quanto mi sarei sentita scissa, io da una parte, la mammadellaPulce dall'altra, in eterno dialogo, scontro, confronto (dentro la mia testa, ovviamente ;-) ).

E soprattutto - da cui il titolo - di come, in particolare il primo anno di vita con un bimbo è un continuo costruire, arrivare a una tappa, per poi scoprire, nel giro di un giorno o due, che è già superata.


I primi tempi, stupefatta, sono andata avanti (oltre che con l'aiuto di mio marito, l'inesauribile MrWolf, e alla pazienza dellaPulce) grazie alle mamme blogger. E mese dopo mese ho deciso di scrivere anch'io.

Il blog è nato per portare il mio contributo. Magari sembra (è) presuntuoso, ma è la mia filosofia di vita: se tutti facciamo sentire la nostra singola voce, il posto in cui viviamo è un po' più democrazia e un po' meno gregge. O almeno, spero.

Questo blog è per me un quaderno di appunti dove vengo a cercare un nuovo punto di equilibrio, dopo aver attraversato una difficoltà con i bimbi o con me stessa, cerco di identificare quanto è accaduto, di dare nomi e aggettivi a questo capitolo della mia - della nostra - storia.

Questo blog non è una valvola di sfogo. So che potrebbe esserlo e che alcuni giorni, probabilmente, lo è - nonostante i miei buoni propositi. Ma per me stessa ho scelto di raccontarmi una storia diversa di questi giorni faticosi. E' un regalo a me, narrarmi la storia un poco più "a freddo" di quanto consenta l'emozione del momento.

Last but not least, questo blog è il blog di una persona che non sa scrivere. No. Dico davvero. Non ho ironia, capacità di osservare dall'alto le mie parole, di costruire messaggi. E soprattutto, non so ben identificare gli argomenti. Diciamo che la pagina bianca, con me, resta tale. Anzi, si riempie di liste, diagrammi, gantt e ipotesi.

Per questo, forse, ho bisogno degli spunti che mi vengono dai cambiamenti e dalle tappe che continuamente attraversiamo per ripartire.

Così sono qui, su queste pagine, come se fossero una portaerei, a ricaricare le energie, a fare tutti i controlli necessari al velivolo pronta per ripartire.



4 commenti:

  1. Ciao!
    ho appena scoperto il tuo blog e, anche se ho potuto scorrerlo di corsa, mi piace molto e appena avro' tempo tornero' e lo scopriro' pian piano...
    io ho iniziato da poco a scrivere un mio blog e, causa figli e impegni vari, non sono ancora riuscita a inserire tutto quello che vorrei...spero che diventi bello come il tuo!

    RispondiElimina
  2. ciaoo Silvia, grazie del passaggio. Il tuo blog ha già un suo bel carattere. Datti tempo. a volte le cose cambiano, le idee si evolvono. ed è bello così. buona continuazione. e a presto s.

    RispondiElimina
  3. Arrivo qui dalla caccia al tesoro e mi sono fatta un giro, tornerò a leggerti spesso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Giorgia, ben arrivata, spero di sentirti presto. intanto.. buona lettura! s.

      Elimina

I tuoi commenti sono molto importanti per me, grazie per quello che scriverai!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails